Su richiesta del compagno e collega blogger e scrittore Mirko Tondi, genio incompreso e accanito sostenitore dell’editoria indipendente, autoprodotta ed underground, ho deciso di leggere il suo e-book, che mi è assai piaciuto; per questo ho deciso di diffonderlo dalle pagine del mio blog. Si tratta di un libriccino di aforismi di attualità, scritti da una persona comune, una persona che la vita la vive come tutti noi comuni mortali…Magari tante cose potrebbero apparire scontate, ma, in realtà, tutto ciò che è frutto di una riflessione ragionata non è mai scontato di questi tempi…

Complimenti Mirko, in bocca al lupo!!! Continua così!!! E a tutti voi, buona lettura!

A pensarci bene non mi piaccio neanche un po’
aforismi per lamentosi e insoddisfatti, molto utili al giorno d’oggi
Testi di Mirko Tondi Disegni di Enrico Guerrini

Avviso ai lettori:
Questa pagina,
come si conviene in editoria,
doveva essere bianca.
Ma questo è un’e-book, quindi al diavolo l’editoria classica…
L’immagine stilizzata e rudimentale che vedete qui sopra,
per gentile concessione di Michelangelo Maiullari, mostra Mirko Tondi,
l’autore dei testi dell’e-book, durante un momento di riflessione.
Da una di quelle riflessioni,
è nato “A pensarci bene non mi piaccio neanche un po’”.
Buona lettura

Le dediche che seguono sono di Mirko Tondi.
Racchiudono il senso stesso del libro.
A parte per la dedica alla nonna.
Quella è puramente affettiva.
Una dedica speciale, come speciale era lei.
Ancora buona lettura (stavolta diciamo sul serio…)
Testi originali di Mirko Tondi 2011
Disegni originali di Enrico Guerrini 2011

A pensarci bene non mi piaccio neanche un po’
aforismi per lamentosi e insoddisfatti, molto utili al giorno d’oggi

*******
L’assioma degli insoddisfatti è che quello che hanno non gli basta.
Neanche quello che avevano, né quello che avranno.
Il fatto è che loro sono e non sono,
perché ciò che sono non è ciò che vorrebbero essere.
E se anche fossero come avrebbero desiderato di essere?
Non ne sarebbero soddisfatti, questo è certo.

*******

Il vero problema dei nostalgici
è che non hanno paura della morte, ma della vecchiaia.
*******
Oggi è stata talmente una brutta giornata
che rimpiango persino quella che credevo
fosse stata la mia più brutta giornata.

*******
Quando me la passo bene coi soldi, si vede dal frigorifero.
Basta controllare se il cassetto dei formaggi è pieno o meno.
*******
Sono bravissimo a dire le cose.
Però sono altrettanto bravo a dirle
nel momento esatto in cui non servono più.

*******
Conosco solo un tipo di persona che pensa costantemente ai soldi.
Quella che ce li ha già.
*******
Da’ a una persona disperata quello che sta cercando
e ti pagherà il doppio.

*******
La tendenza di oggi è quella di essere buonisti.
Qualche risultato lo si ottiene sempre.
Ma è anche la prima cosa che notano i cattivi.

*******
Quando una persona ritiene di essere soddisfatta di se stessa,
allora si può dire che non abbia
da chiedere nient’altro alla propria vita.
Tranne di rivivere quella stessa vita in una maniera del tutto opposta.
*******
Quello di piacersi, purtroppo,
è un vantaggio che viene riservato solo ai narcisisti.

*******
Se non fossi fidanzato, mi laverei molto meno.
*******
A sbagliare ci vuole solo un attimo.
Anche a pentirsi, a dire il vero.
Ma il pentimento non cancella il gesto.

*******
Il fatto non è quello di trovare del tempo libero,
ma di riuscire a ottimizzare quello che si ha a disposizione.
Purtroppo io non sono mai stato bravo a ottimizzarlo,
semmai a perderlo.
Anche quello è un talento, però.

*******
L’autostima è quella qualità che viene alimentata
dall’affermazione e dal successo personale.
In alcuni soggetti,
semplicemente da una buona condotta.
In altri, da una condotta riprovevole,
ma di cui loro vanno fieri.
In altri ancora, invece, dal denaro.
*******
Amiamo le novità.
Nessuno vuole una vita piatta e noiosa.
Ma l’unico motivo per il quale speriamo
che accada qualcosa di insolito nelle nostre vite
è per la smania di raccontarlo agli altri.

*******
Non è forse il timore
di rompere un oggetto
che poi lo fa rompere davvero?
*******
Tutti noi abbiamo bisogno di illuderci.
È bello ogni tanto lasciar perdere la realtà e
concedersi qualche sogno a occhi aperti.
Peccato che quando poi ritorniamo in noi,
ci sia il nostro capo lì davanti a bacchettarci
per la nostra ultima disattenzione.
*******
Sono così nervoso che una volta mi è venuto un esaurimento
e se n’è andato promettendo di non tornare mai più.

*******
Non faccio mai programmi,
perché non c’è alcun gusto
nel rispettarli.
*******
Si può essere eleganti anche senza essere ricchi.
Ma in quel caso si tende a usare il termine casual…
*******
Cos’è il pessimo gusto?
Quello degli altri, di sicuro.
Nessuno ammetterà mai di averlo.
Sarebbe come far dire a un calciatore
che il suo non è un vero lavoro.
*******
Non è la speranza che fa accadere le cose,
però certe volte aiuta.
Ad esempio io ho sperato con tutto me stesso
che qualcosa cambiasse nel mio conto corrente.
Infatti gli interessi sono schizzati alla stelle.
*******
La sola maniera per sopperire alla mancanza di intelligenza
è quella di avere una buona memoria.
*******
Se ognuno di noi trovasse il lavoro e il partner che desidera,
non esisterebbero più gli psicoterapeuti.

*******
La strada è piena di persone
che attraversano dove non dovrebbero attraversare.
Il problema è che spesso vengono investite quelle
che passano sulle strisce pedonali…
*******
Un pessimista è semplicemente uno che ha
maggiore consapevolezza del fatto che le cose,
in futuro, potrebbero andare peggio di come
stanno andando adesso.

*******
Fare politica è un mestiere che unisce l’utile al dilettevole:
lavorare, contemporaneamente non facendolo.

*******
Per rimediare ai propri errori occorrono
una decisa ammissione di colpa
e una buona volontà.
E poi una certa dose di fortuna.
*******
L’unica cosa che mi accomuna all’essere artista
è la mancanza di soldi.
*******
I dialetti costituiscono il modo migliore per non
dover parlare preoccupandosi della grammatica.
*******
Il cinico è un idealista con qualche delusione alle spalle.
*******
Le collezioni sono difficili da spiegare.
Io, per esempio, colleziono brutte figure
e neanche mi interessano.

*******
Molte date portano con sé emozioni e ricordi.
È per questo che cerco sempre di dimenticarle.
*******
L’ambizione è una bella donna che ti promette
di portarti a letto e poi ti lascia a bocca asciutta.

*******
Il bello della televisione è che puoi spegnerla quando ti pare.
Tanto ne hai una anche nelle altre stanze.
*******
Non sempre gli specchi dicono la verità.
Soprattutto se è il tizio riflesso a non dirla.
*******
Un ritardatario cronico ha due problemi fondamentali:
uno è il tempo, l’altro è se stesso.
*******
Una volta la chiamavano guerra,
adesso “battaglia per la pace”.
*******
L’obiettivo di chi si lamenta della propria condizione
non è quello di ottenere qualcosa, né di essere compatito.
Semmai di nutrire il proprio malcontento.
*******
Il mondo dello spettacolo è davvero straordinario:
cantanti che presentano,
concorrenti di reality show che diventano attori,
pseudo-giornalisti che si azzuffano.
Manca solo una cosa: lo spettacolo.

*******
La differenza fra “stare male” e non “stare molto bene”
è che la seconda è un’ottima scusa per non fare qualcosa.
*******
Dicono che si debba andare vicino a perdere
qualcosa per capire quanto ci si tenga veramente.
Ma un conto è la paura, l’altro è la vera passione.

*******
Qualche volta la sfortuna viene chiamata in causa
per giustificare la propria incompetenza.
*******
Gli incontentabili desiderano soltanto avere tutto.
E anche quello difficilmente li accontenta.
*******
L’ipocrisia è il passepartout dei nostri tempi.
*******
L’invidia è un surrogato della felicità.
*******
Perdo tutto, non trovo mai niente.
Ma non è colpa mia.
Pare che gli oggetti, certe volte,
non vogliano proprio essere trovati.
*******
Il problema reale di chi incontra il successo
non è tanto quello di accettarne l’ingombrante presenza,
semmai quello di non riuscire a sopportarne l’eventuale perdita.
*******
Non tollero proprio l’arroganza negli altri,
perché vorrei possederla tutta io.

*******
Chi è molto religioso ha parecchio da farsi perdonare.
*******
Un eterno insoddisfatto è convinto che sia stupido
smettere di cercare un’idea non appena l’ha trovata.
Crede invece che, continuando a pensare,
possa trovare prima o poi un’idea migliore.
Intanto gli altri la propria idea l’hanno già messa in pratica.

*******
Lamentarsi costantemente per la propria condizione
è la cosa che riesce meglio a quelli che hanno già tutto nella vita.
*******
Una persona può ritenersi davvero vecchia
quando neanche le novità riescono più a procurargli un’emozione.

Questo libro è stato reso possibile da:
Si avvisano i lettori che, essendo questo e-book un’auto-produzione a costo zero,
non è stata coinvolta alcuna casa editrice nel progetto.
Nessun redattore è stato quindi maltrattato durante la realizzazione del libro.
Se l’e-book è piaciuto, si pregano gentilmente i lettori di consigliarlo agli amici.
Se non è piaciuto, consigliatelo a chi vi sta antipatico, ma consigliatelo lo stesso.
Grazie, al prossimo e-book.

BIOS

Mirko Tondi, autore fiorentino, ha
pubblicato due libri ed è incluso in varie
antologie poetiche. Scrive per la webzine
“Sul Romanzo” e per il mensile free-press
“Alza la Voce”. Inoltre è regista e autore
dei testi della compagnia di teatro comico e
cabaret “I Rene-Fiz”. Ama i dischi in
vinile, i film di Alfred Hitchcock, perdere
tempo su internet e comprare cose inutili.
Qui sotto lo vediamo in una delle sue
pose più felici…

 

Enrico Guerrini, nato a Firenze, è pittore, scultore, Enrico Guerrini
illustratore e scenografo. Ha esposto le proprie opere in
numerose mostre collettive e personali in tutta la Toscana.
Artista talentuoso, visionario, straordinariamente
versatile, si distingue soprattutto per le sue performance
estemporanee. Di lui si apprezzano in particolare
l’originalità, l’apertura alle sperimentazioni e la
disponibilità a nuovi progetti (tra cui, appunto,
“A pensarci bene non mi piaccio neanche un po’”).
Qui sotto è possibile osservare un suo autoritratto.